Oltre l'ombelico

 

Mistero dentro

ritmico ondeggiare 

di gesti sacri.

 

(Antonella De Marco, da "Disegnare parole", ed. Montedit, 2011)


Percorso formativo e insegnamento

Inizialmente studio la danza classica e quella jazz. Nel 1987 incontro la danza del ventre e ne resto affascinata, da allora approfondisco questa bellissima arte. Studio con l'americana Aziza (Nancy Hagensick) che la introdusse in Italia, poi proseguo con le prime insegnanti del panorama milanese: Jamila Zaky e soprattutto Sabina Todaro. Frequento stages con Zaza Hussan, coreografo del Teatro Nazionale del Cairo.

Ho avuto l'occasione di esibirmi in  molti spettacoli teatrali, eventi culturali, feste di piazza, festival etnici, sia in Italia che in Svizzera, ed ho partecipato ad alcune trasmissioni televisive (Canale 5 e Rai 2).

Nel 2005, quando la danza del ventre viene inclusa tra le discipline della Federazione Italiana Danza Sportiva, in virtù del mio curriculum ottengo il riconoscimento di tecnico federale FIDS/CONI e nel 2006 il diploma ISDAS (Istituto Superiore Danza Sportiva) come Maestra di Danze Orientali.

Dal 1996 tengo corsi e stages e il mio bagaglio tecnico si è via via arricchito orientandosi verso una fusion di più stili (mediorientale, tribal, flamenco). 

Sono grata per i seguenti riconoscimenti e premi:

2011 - Assessorato allo sport di Brugherio (MI), targa premio per il costante e tenace insegnamento della danza orientale.

2012 - Croce Rossa Italiana - Diploma di benemerenza con Medaglia di 1° classe per l'attività artistica svolta in favore dei progetti del comitato locale di Milano.



Filosofia dei corsi

La danza del ventre ha origini sacre che si perdono nella notte dei tempi, e racchiude nei suoi movimenti un antico potere curativo (vedi il libro "La più antica delle danze e il suo potere curativo", di Nurya-Flavia De Marco, ed. Lampi di Stampa, 2007). Parto da queste premesse per favorire l'espressione della "femminilità ancestrale" insita in ogni donna. L'approccio, dolce e naturale, rende questa danza adatta a tutte, indipendentemente dall'età e dalla preparazione fisica. Gradualmente si impara a conoscere meglio il proprio corpo e ad accettarlo con disinvoltura, acquisendo una maggiore sicurezza in sé.

Il lavoro di gruppo favorisce momenti di solidarietà e complicità tra donne. Stimolo l'impegno con leggerezza e divertimento, per rendere la danza un'esperienza giocosa e benefica per il corpo, le emozioni e la mente.

Dal 2005, con la direzione artistica dell'insegnante Nurya, partecipo, con le mie allieve,  alla realizzazione di  uno spettacolo annuale a favore della Croce Rossa Italiana, devolvendo il ricavato per progetti di rilevanza sociale.



Psiche, danza e benessere

Da sempre cerco di conciliare la mia passione per lo studio con quella per la danza e negli anni le due strade si sono intrecciate. Il legame mente-corpo, anello mancante delle psicoterapie tradizionali, è diventato un punto di riferimento imprescindibile del mio lavoro. Ho quindi ideato un approccio, frutto delle mie competenze in ambito psicologico ed artistico, che integra le risorse terapeutiche della danza del ventre, con un lavoro psico-corporeo, per favorire il benessere e la consapevolezza attraverso il movimento.



Formazione Operatore del Benessere in Danza Orientale per il femminile.Rilascio diploma nazionale d'eccellenza CSEN.